Archive for the ‘Spettacoli per eventi’ Category

Un mentalista è per sempre

20 gennaio, 2013

Ce ne sono di grezzi e di puri, di grandi e di modesti, di famosi e sconosciuti.

Ce ne sono alcuni che dimostrano un valore superiore ed altri che sono praticamente insignificanti.

Ci sono quelli da scoprire e quelli che lo sono già e che basta cercare.

Sul mercato circolano  quelli adatti a qualunque occasione ed altri opportuni solo per eventi speciali.

I comuni e gli introvabili. Quelli per  feste privateconvention e quelli per tutt’altre situazioni.

Le copie tarocche,  quelle da mercatino e le occasioni inaspettate.

Quelli da ammirare su un palco e da far circolare tra gli ospiti e quelli inadatti all’uno e all’altro.

Comunque la mettiate se lo volete, se lo cercate, se ne avete bisogno  è per distinguervi dalla routine e dalle solite cose, per fare una bella figura divertendovi e per lasciare in tutti il ricordo indelebile di un evento speciale.

Perchè un mentalista è per sempre.

PER CONTATTARE DARUS:

– ) WWW.DARUS.IT

-) http://www.youtube.com

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Annunci

Grazie

9 gennaio, 2013

Non tutto ciò che ho fatto nel mio lavoro da mentalista è documentato e documentabile attraverso video o foto, il più rimane nel cuore e nella mente mia e di quella di chi, con me ha condiviso spettacoli, performance ed intrattenimento.

Il 2012 è stato un anno di crescita e consolidamento artistico oltre che professionale.

Con questo video voglio ringraziare chi è intervenuto alle mie serate in giro per l’Italia: Roma, Milano, Genova, Varese, Bologna, Como e tante tante altre.

Mi scuso con chi non c’è e avrebbe voluto esserci ma come si può immaginare non di tutti gli eventi ho ricevuto un riscontro video o fotografico ed ovviamente, non potendo riprendermi mentre mi esibisco (tra i miei poteri non c’è la bilocazione) diverse belle occasioni sono rimaste escluse dal video.

Comunque mi sono divertito a confezionarlo. Fammi sapere che effetto fa a te  a guardarlo. Ed ora forza 2013

Per informazioni e richiesta di preventivi:

Mentalista Darus

Il mio Halloween

3 ottobre, 2012

La voglia di confrontarsi con mistero, terrore e paura è sempre più diffusa. In giro per il mondo, ma anche in Italia, aumentano le richieste per avere, magari a casa propria o nel proprio locale, uno spettacolo “forte” ovvero uno show che possa far venire qualche brivido dietro la schiena a chi vi assiste e vi partecipa. Un intrattenimento in cui qualcuno (un mentalista nello specifico) sappia creare quell’atmosfera rarefatta ed inquietante che tanto attira e rimane impressa nel tempo, se fatta vivere nel modo giusto.
Halloween casca a fagiolo, e in qualche modo sdogana la richiesta anche a chi fino a quel momento ci aveva pensato ma non aveva messo in pratica l’idea. Perchè non cercare un intrattenimento per adulti idoneo a festeggiare questa ricorrenza?
Uno spettacolo per Halloween, per quanto mi riguarda, potrebbe avere diverse modalità di svolgimento a seconda del contesto, della fantasia dell’organizzatore e del numero dei presenti:
a sorpresa: uno degli invitati, chissà chi, parlando di Halloween racconta alcuni aneddoti e comincia a fornire dimostrazioni sempre più “paranormali” coinvolgendo i presenti in suggestivi esperimenti;
serata dedicata ufficialmente, in onore di Halloween, al mistero: tarocchi, pendolino, candele e fantasmi;
spettacolo in teatro con inizio nell’ora delle streghe, dove il mentalista da fondo a tutte le sue energie per richiamare presenze e sensazioni “particolari e dove tutto può accadere.
E tu, a che festa di Halloween stai pensando?
Clicca sulla zucca per contattare Darus:

Due appuntamenti pubblici in Toscana

19 agosto, 2012

Come sa chi mi segue da un pò i miei spettacoli sono spesso a porte chiuse ovvero riservati agli invitati di chi mi ingaggia, per una festa o una convention aziendale e non sempre posso pubblicizzare i vari appuntamenti poichè le rappresentazioni pubbliche sono una minoranza.

Il caso vuole però che ora, sul finire dell’estate abbia due appuntamenti aperti a tutti quelli ne vorranno approfittare.

Il primo a Firenze ed il secondo a Terranuova Bracciolini, rispettivamente lunedì 27 agosto e mercoledì 29.

La serata aperta al pubblico di Firenze sarà abbastanza informale (con un contributo di 5 euro) e si svolgerà in un (speriamo) fresco bel giardino.

Fino ad esaurimento posti chi desiderasse ricevere l’invito per  assistere  al mio spettacolo di mentalismoAmabil-Mente” non ha che da richiederlo a info@darus.it.

Per i dettagli di Terranuova Bracciolini vi farò sapere.

Buon proseguimento d’estate.

Per informazioni e contatti: www.darus.it

Bosco di note che accompagnano il mistero

22 luglio, 2012

Sabato 28 luglio alle ore 21.15 mi esibirò nella suggestiva cornice del bosco di Villa Mirra (zona Roccolo) di Cavriana in provincia di Mantova.

La serata è parte della manifestazione intitolata “Bosco di note” e mi vedrà accompagnato dal quintetto dell’Orchestra sinfonica delle Colline Moreniche.

Sono onorato e lusingato dal poter portare la mia dose di mistero in una manifestazione già così magica e l’essere affiancato da una piccola orchestra è un’esperienza che da tempo avrei voluto realizzare e che finalmente avrò la possibilità di sperimentare.

La serata sarà davvero fuori dal comune e credo proprio che sarà divertente essere accompagnati da un quintetto di fiati (flauto, oboe, corno, clarinetto e fagotto) composto da professori d’orchestra mantovani.

Lo spettacolo prevede momenti di telepatia, ipnosi, suggestione, lettura del pensiero e fenomeni psichici paranormali realizzati con la collaborazione del pubblico in un crescendo di emozioni e colpi di scena.

Come sempre sarò lieto di incontrare e scambiare due chiacchere con i lettori del blog.

Info e prevendita presso la Biblioteca di Cavriana:

tel. 0376 804053       – biblioteca@comune.cavriana.mn.it

Ingresso Euro 5,00

Estate….(con il mentalista ecc ecc)

6 luglio, 2012

Non mi sono trattenuto dal fare uno di quegli scontatissimi giochi di parole con E-state qualcosa.… che’ se ne vedono da tutte le parti.

Effettivamente il tempo per provare ad essere originale sul blog in questo periodo proprio mi manca perche’ sono davvero (e per fortuna) oberato di impegni.

Questo sara’ quindi un post, brevissimo in cui raccomando a chi cerca un mentalista o un prestigiatore di farsi sentire per tempo e non all’ultimo minuto per feste, eventi, convention e cose del genere. Dirvi di no, mi fa male anche fisicamente ma non posso essere onnipresente per cui chi prima arriva…

ps vi lascio con un video che risponde ad una domanda che leggerete nel video stesso.

Ciaoooooo

29 maggio 2012 Spettacolo magico a Firenze

24 maggio, 2012

Notizia dell’ultima ora:

visto le continue richieste, sono lieto di poter annunciare, anche se con un preavviso brevissimo, tra 5 giorni riporterò il mio spettacolo di magia e mentalismo a Firenze (poi la prossima settimana si torna a Milano).

Ecco quindi l’invito ufficiale:

La Signoria vostra è gentilmente invitata Martedì 29 maggio 2012
-Ore 21,15-

Amabil-Mente

Mentalismo, Magia, Spettacolo, Mistero … OVVERO Darus!!!

 Hotel Bernini

(di fianco all’ex tribunale)
Piazza San Firenze – Firenze. Biglietto Intero 14 – ridotto 6. Posti limitati.

Info e prenotazioni a: prenotazionieventishow@gmail.com


Le preferenze per scegliere un hotel

23 febbraio, 2012

Da una recente ricerca realizzata su 1.600 viaggiatori americani che alloggiano frequentemente in hotel,  interpellati da Tripadvisor emergono attidudini e tendenze che delineano le preferenze dei clienti nella selezione della struttura in cui alloggiare.

Importanti sono la  colazione inclusa, il servizio ristorante e il wi fi gratuito come pacchetto preferito dall’utente.

In più la seguente analisi conferma quanto da tempo sostengo, ovvero che gli hotel potrebbero fare molto di più per i propri ospiti:

“Dallo studio emergono “una serie di opportunità per gli imprenditori alberghieri di spostare l’attenzione da alcuni servizi ad altri, per catturare l’attenzione dei viaggiatori“, ha dichiarato Christine Petersen, presidente di TripAdvisor for Business (la divisione aziendale dedicata ai proprietari di strutture ricettive).

”Per esempio, offrire biglietti omaggio o scontati (di spettacoli e/o concerti ndr), oppure un servizio navetta verso le attrazioni locali o l’aeroporto può aiutare a far pendere la bilancia a favore del proprio albergo, considerando che il 54% dei viaggiatori ha dichiarato di avere cancellato una prenotazione già effettuata se ha trovato altrove una struttura con un portfolio più ricco di servizi migliori”.

Fonte.

PER INGAGGI IN TUTTA ITALIA  E PER CONTATTARE DARUS PUOI VISITARE:

– ) WWW.DARUS.IT

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Quel dettaglio che fa la differenza sulle emozioni

8 febbraio, 2012

Non fatevi ingannare dal titolo del post. Non parlerò di quanto i dettagli facciano la differenza tra un buon Mentalista, prestigiatore o mago che sia e un altro che non lo è. Spero questo vi sia già chiaro in partenza, visto che siete atterrati su questo blog .

Voglio invece rendervi partecipi di un evento curioso che sto vivendo in queste ore. A seguito di un recente spettacolo in un hotel realizzato giorni fa, mi è stato consegnato (dall’ottimo  Michele Nobler) il servizio fotografico realizzato nel corso della serata riprendente vari momenti dello show, con il coinvolgimento attivo di diversi spettatori e la partecipazione emotiva e divertita della platea nel suo complesso.

Sono poi state realizzate due versioni di questi fotoracconti supportate da colonne sonore diverse. Ecco il fatto curioso. Le reazioni di chi ha visionato entrambe le versioni (quasi identiche se non per un paio di dettagli) sono state sensibilmente divergenti.  Alcuni si sono sentiti più a proprio agio ed incuriositi dalla prima avversando la seconda, altri invece ritengono questa più dinamica ed invogliante mentre la prima versione gli appare cupa ed impaurente come invece non è la performance.

A questo punto, fermo restando che lo spettacolo che ho presentato è lo stesso, concepito per un pubblico prevalentemente adulto desideroso di assistere, divertendosi, a qualcosa di non comune mai oppressivo e sempre leggero,  lo chiedo anche ai lettori che vorrano visionare entrambi i brevi video (circa 2 minuti l’uno). Quale emozioni vi fa scaturire ogni video? Quale preferite e perchè?

Prima versione:

Seconda versione:

PUOI INGAGGIARE DARUS PER EVENTI IN TUTTA ITALIA. CONTATTALO SU INFO@DARUS.IT O CONSULTA:

– ) WWW.DARUS.IT

-) http://www.youtube.com

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Apericena con mistero

15 dicembre, 2011

Ho partecipato ad una serata organizzata da un gruppo di amici che, prima di Natale hanno deciso di incontrarsi per scambiarsi gli auguri, mangiare qualcosa e, con l’occasione, assistere a qualcosa di diverso dal solito, in particolare, ad una serata di mio mentalismo.

Premetto che l’idea è venuta da persone che avevano già assistito ad un mio spettacolo evidentemente, apprezzandolo, per cui  i racconti delle mie “gesta”  passate,  hanno fatto si che, da subito ci fosse, con alte aspettative, anche una certa predisposizione alla collaborazione durante lo show.

Il pubblico era composto da una quarantina di persone abbondante, tra i 40 e i 60 anni, tutti partecipi e reattivi. Inizialmente non conoscevo quasi nessuno ma la sintonia che si è creata durante i vari esperimenti mentali ha fatto si che si istaurasse un clima di amicizia che mi ha permesso di attingere  ai loro pensieri ed alla loro energia positiva in maniera fluida e senza intoppi.

E’ chiaro che sto parlando di una serata di intrattenimento ma, quando mi diverto particolarmente, mi viene il sospetto che forse alla fine dovrei essere io a pagare i miei spettatori e non il contrario. Fuor di scherzo, come al solito ringrazio gli intervenuti e spero che questo filo di incontri magici continui a dipanarsi.

DARUS IL MAGO SI ESIBISCE IN TUTTA ITALIA. SCRIVIGLI SU:

– ) Mentalista Darus

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

La festa di Capodanno

7 dicembre, 2011

Anche quest’anno sta concludendosi e tra poco saremo in grado di fare un bilancio definitivo. Certo finire in bellezza, con una bella festa di Capodanno sarebbe l’ideale anche per dare un segnale positivo all’anno che inizia, il 2012.

Professionalmente valuto il 2011 un anno magicamente intenso per essere riuscito a fare, in qualità di mentalista quello che speravo, ovvero allargare la mia schiera di clienti in ambito aziendale ma anche nel settore privato partecipando a serate ed occasioni mondane molto piacevoli.

Sono contento di essere entrato in un giro di feste a Roma, idem per il passaparola che si è creato a Firenze e a Milano che spero ovviamente di arricchire ulteriormente visto che la richiesta di intrattenimento magico per adulti e nello specifico di uno spettacolo di mentalismo ma anche di micromagia è molto elevata.

Mi fa piacere che molte aziende abbiano pensato a me per le serate di gala con i propri dipendenti o per occasioni speciali.

Insomma partendo da queste basi, mi propongo comunque di migliorare ulteriormente le mie performance lavorando affinchè il 2012 sia ancor più …..(l’aggettivo inseritelo voi) del 2011. Anche se non sarà facile. Sicuramente un impegno che voglio prendere è quello di venire meglio nelle foto. 🙂

Tornando al Capodanno ho, per ora, declinato un paio di richieste che non mi attiravano ma spero a brevissimo mi si presenti una bella occasione. Vorrei proprio passare un bel Veglione proponendo il mio spettacolo per poi festeggiare insieme alla mia famiglia. Vedremo come andrà.

Colgo l’occasione per fare gli auguri a tutti i lettori del blog passati e a quelli futuri. Fatevi sentire.

DARUS IL MAGO SI ESIBISCE IN TUTTA ITALIA. SCRIVIGLI SU:

– ) Mentalista Darus

-) Mentalista Darus SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Lo spettacolo di mentalismo cos’è e come si riconosce

27 ottobre, 2011

Oramai il termine mentalismo e mentalista sono sdoganati, anche se, come capita a parecchie parole, possono avere declinazioni ed interpretazioni anche molto differenti tra di loro.

C’è il mentalismo praticato da Patrick Jane, l’ex sensitivo impersonato da Simon Baker in “The mentalist“, tutto intuito, linguaggio del corpo e deduzioni sullo stile di Sherlock Holmes, c’è il mentalismo di Gianni Golfera, il saggista e mnemonista beccato da Striscia la notizia a dichiarare di fare una cosa mentre, probabilmente ne faceva un’altra.

C’è poi il mentalismo arrivato al grande pubblico grazie ad alcune buone performance di amici-colleghi che si sono esibiti in trasmissioni televisive di successo, da Italia’s got Talent a il Senso delle vita.

Il breve video che in cima a questo post è una sequenza fotografica di scatti realizzati da Michele Nobler, un giovane talentuoso fotografo intervenuto ad un mio recente spettacolo aperto al pubblico, e che pubblicamente ringrazio, dove esprimo la mia personale interpretazione di cosa intendo io per  mentalismo.

Buona visione.

DARUS SI ESIBISCE IN TUTTA ITALIA. PER INFO E CONTATTI:

– ) WWW.DARUS.IT

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

La festa di Halloween

20 settembre, 2011

La festa di Halloween è la data propizia per assistere ad uno spettacolo di magia particolare, a qualcosa di misterioso, mistico che intrattenga divertendo lasciando un ricordo indelebile ai presenti.

Sono sempre stato affascinato dal sapere come ogni notte di Halloween, per i successivi dieci anni dalla morte di Houdini, sua moglie Bess abbia organizzato una seduta spiritica per verificare se  il consorte fosse in grado di comunicare con lui attraverso il codice segreto stabilito prima di morire.

Sembra che questi tentativi non siano andati a buon fine ma la data è comunque evocativa di questo ed altri eventi misteriosi.

Scontato dire che in Europa e soprattutto in Italia la ricorrenza è solo commerciale. Fatto sta che la notte del 31 ottobre in Italia oramai si celebra questa festa. Locali, piazze e circoli di ogni genere propongono un intrattenimento apposito, spesso in location d’eccezione come saloni di palazzi storici, castelli ma anche in ville e case private.

Non amo vedere Halloween trasformato nel carnevale di ottobre dove per andare a divertirsi si indossa una parrucca dozzinale, una maschera dell’ultimo mostro americano o un travestimento trash da donna per andare a ballare la salsa in qualche locale. Prediligo il lato magico della festa, ovviamente, non sarei un mago se così non fosse no?

DARUS SI ESIBISCE IN TUTTA ITALIA. PER INFO E CONTATTI:

– ) WWW.DARUS.IT

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

La micromagia non è piccola magia

15 settembre, 2011

La consuetudine consolidatosi  nel mio ambiente lavorativo, quello degli ingaggi nel mondo dello spettacolo di magia, è di usare il termine “micromagia” come  identificativo di una delle attività svolte da un prestigiatore o un mentalista. Il discorso sul come si sia diffuso questo termine sarebbe lungo, e per i profani anche noioso, ma in questa sede basti sapere che micromagia fu una delle prime traduzioni che vennero date alla definizione usata oltreoceano per descrivere la pratica diffusa per maghi illusionisti di esibirsi in feste, convention e ristoranti con della magia fatta a distanza ravvicinata: “close up magic“. E quella traduzione ebbe un gran successo.

Micromagia, se ci si pensa, di per sè, sarebbe riduttivo, in quanto se la magia è realizzata da un mago, la micromagia non può essere proposta che da un micromago. Ma, se il prestigiatore non ha 5 anni, non è alto 20 cm,ed è un professionista con un discreto background che magari esegue dei numeri unici, è ovvio  non si senta un micromago.

Il tentativo fatto da alcuni prestigiatori fu allora, quello di cercare di sostituire, nell’immaginario collettivo,  micromagia con magia da vicino, magia da contatto, magia da… ma come i lettori immagineranno, questo tentativo non ha avuto molto successo. Micromagia funziona, perchè è una parola sola, perchè fa capire subito di che si tratta, che altrimenti dovrebbe essere spiegato con molte più parole: magia ai tavoli, prestigiatore itinerante che propone magia tra i gruppi di persone in piedi o sedute ecc ecc Insomma, non c’è  partita.

Personalmente sono sereno nell’uso e nel recepimento del termine da parte del mio pubblico e dei miei clienti perchè quel che comunque comunico è che fare micromagia non è una cosa di poco valore come il termine micro potrebbe indurre a pensare. Questo intrattenimento ha tutte le carte in regola per segnare i ricordi di uno spettatore per molto tempo. Emozionandolo e stupendolo.Pensateci se cercate qualcuno per della micromagia. Si può ottenere un ottimo riscontro se lo si vuole avere.

Inoltre mentre uno spettacolo di magia può durare un’ora e qualcosa, la micromagia, in un evento con decine, se non centinaia di persone, può richiedere un impegno di 3-4 ore quindi molta concentrazione, self control, capacità di relazionarsi con tante persone, di saper parlare di tante cose e non solo di magia, di farsi conoscere davvero dai propri spettatori risultando simpatico e carismatico.

Più prosaicamente aggiungo che in una performance di micromagia non si possono avere buchi nei calzini, o le scarpe rotte. E’ necessaria la perfezione, anche nell’abbigliamento. E tutto ciò ovviamente si acquisisce con l’esperienza, con un repertorio adatto ai contesti e, per quel che mi riguarda, cercando di offrire qualcosa di unico che nessun altro potrebbe dare, al di là della bravura tecnica: il mistero.

DARUS SI ESIBISCE IN TUTTA ITALIA. PER INFO E CONTATTI:

– ) Mentalista Darus website

-) Mentalista Darus su Facebook

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Prestigiatori in serie ovvero i maghi guarda

9 agosto, 2011

Sempre più spesso mi vengono segnalati dei prestigiatori sui generis per piazze e strade d’Italia.

Probabilmente qualcuno di voi ne ha visto ed incontrato almeno uno:  hanno lineamenti e cadenza orientali o indiane, girano con un borsone nero che poggiano ai propri piedi e da cui estraggono a ripetizione oggetti vari per mostrare dei giochi di prestigio e sono soliti arrivare fare il proprio numero e sparire in meno di 10-15 minuti.

La particolarità di questi prestigiatori è che eseguono tutti lo stesso repertorio anche con le stesse modalità di presentazione (?)  usando in maniera ossessiva la parola “Guarda” in tutte le sue declinazioni di tono, volume ed ampiezza di vocali, spesso il termine diventa “Gualda“.

Eccoli quindi arrivare ed attirare l’attenzione di turisti e passanti, alzando le mani ed urlando “Gualdaaaaaaaaa, sono il mago, gualdaaaaaaaaa…” per poi estrarre dal borsone una pentola che useranno per trasformare un pezzo di carta infuocato in un bouquet di fiori continuando con i loro “gualdaaaaa” e con tutto una serie di numeri da fiera magica cui il pubblico assiste e spesso risponde con analoghi “guardaaaaaa.”.

La prima volta che ne sentii parlare ero a Roma, durante una festa privata, e qualcuno, dopo un mio spettacolo mi accennò a questo personaggio che si esibiva tra Campo de Fiori e Piazza Navona.

Poi in un’occasione successiva mi capitò, sempre a Roma, di assistere ad una discussione in cui, di questi Maghi Guarda, sembrava essercene più d’uno ed ognuno dei miei interlocutori si diceva certo che quello visto era sicuramente l’originale.

Fin qui nulla di strano. Un artista di strada prestigiatore che propone qualche semplice trucco con un modo di attirare l’attenzione divertente e quindi imitato da altri: “Guardaaaaaaaa“.

Poi però mi sono imbattuto in ben due “maghi Guarda” a Firenze ed amici mi hanno segnalato un prestigiatore con le stesse caratteristiche a Milano.

Stesso repertorio, stesso tormentone, borsoni simili.

Allora ho capito. E’ in atto un franchising della magia da strada. Qualcuno ha messo su un gruppo di prestigiatori o per meglio dire, ha insegnato ad un gruppo di persone, alcuni numeri di magia, fornendo a tutti la stessa attrezzatura e li ha inviati in varie località. Un pò come i venditori ambulanti senza licenza che vendono borse griffate e occhiali da sole o per le massaggiatrici e tautuatrici che percorrono tutte le spiagge italiane. Evidentemente c’è del business ed è un’attività senz’altro più innocua e piacevole di tante altre che potrebbero fare.

E’ una magia che si diffonde per le strade e che fa parlare di sè. Spero che la popolarità di questi prestigiatori in serie aumenti la voglia di assistere anche a spettacoli di prestigiatori “originali” .

Ce ne sono diversi e si esibiscono in feste private, nelle convention o per occasioni speciali. Artisti con uno spettacolo completo che sanno far vivere il senso di mistero ai propri spettatori andando oltre ad un semplice sorriso scaturito da un tormentone dialettico: gualdaaaaaaaaaaa.

La prossima volta che assisterete ad un Mago Guarda, dopo averlo ringraziato e magari retribuito con quello che riterrete di dargli per aver eseguito le sue magie, toglietevi lo sfizio e cercate uno prestigiatore professionista che faccia uno spettacolo nella vostra zona o ingaggiatene uno per la prossima cena. Ad occhio e croce dovreste avvertire una certa differenza.

Come diceva una vecchia pubblicità: provare per credere.

DARUS OPERA IN TUTTA ITALIA. PER INFO E CONTATTI:

– ) WWW.DARUS.IT

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Quale location per l’importante evento?

15 giugno, 2011

Il contesto in cui si svolge un determinato evento ne influenza l’esito, come diceva Marshall McLuhan: “il mezzo è il messaggio“.  La location è quindi molto importante poichè, per un invitato, arrivare in una bella struttura, in un castello medievale, in un hotel di lusso o in una casa diroccata non è, ovviamente la stessa cosa.

Ma la cosa più importante è davvero la location? E poi, un luogo che piace ad alcuni piacerà necessariamente a tutti gli altri? Su questo nutro seri dubbi. La persona di mondo, abituata a viaggiare, al lusso ed agli ambienti chic, probabilmente, se l‘evento è ben congeniato proverà piacere a vivere una parentesi più rustica, meno formale ed elegante e così il contrario, ma anche no. Come si fa a saperlo?

Quel che voglio dire è, che per quanto ci sforzi, in un evento ci sono delle rigidità, come la location, i menù o alcuni spettacoli che per forza di cose non possono essere percepiti da tutti allo stesso modo e poco si può fare per ovviare a questa considerazione.

Quello su cui però si può lavorare, nell’organizzazione di un evento, è la componente flessibile, quella umana e per quel che mi riguarda quella artistica. Ciò che voglio dire è che se ci sono 100 ospiti non si può modificare la location 100 volte per adattarla alla storia personale di ognuno ma, sembra l’uovo di colombo, si possono però avere almeno 10 approcci diversi da parte di un mago che propone micromagia  e che quindi si confronta direttamente con le singole persone, divenendo responsabile, per la sua parte, di quanto e come ogni singolo vivrà quel dato evento, aziendale o privato che sia.

Se il prestigiatore è un professionista, si esibirà in inglese là dove gli spettatori dovessero non capire l’italiano, proporrà qualcosa di allegro al gruppo di ospiti più caciaroni, qualcosa di misterioso al pubblico femminile, qualcosa di più elegante a….e così via. E’ questione di esperienza ed abitudine all’ascolto.

L’ideale sarebbe poter avere questo approccio con tutto il personale impegnato nell’evento, richiedendo  a tutti un approccio su misura, ma è chiaro che un conto è concordare l’intrattenimento su queste basi, un altro il catering, i camerieri o il quartetto d’archi, per loro natura più standard e rigidi in fase di proposta al pubblico.

Tornando alle esperienze dirette, mi sono trovato a vivere eventi privati ed aziendaliin cui alcuni dettagli hanno fatto un enorme differenza:

– la musica troppo alta durante una cena, con gruppi di persone che gia’ alticce ad inizio serata si alternavano al microfono cantando a squarciagola e rendendo difficile la convivialità tra gli altri ospiti;

– delle cene anticipate o frammentate da interminabili discorsi di ringraziamento, consegne di targhe, premi, regali, riconoscimenti, coppe, fotografie, loghi, portachiavi e chi ne ha più ne metta. Il risultato è quello di ottenere un rumore di fondo continuo in sala, dove i già coinvolti tornano al proprio tavolo chiaccherando, gli altri cominciano ad annoiarsi, alcuni sono di spalle e non vedono…di solito finisce che agli ultimi quasi gli tirano il riconoscimento da lontano mentre hanno il cappotto in mano….

– poi ci sono le sorprese. Di vario genere. Queste di solito rappresentano il clou della serata, o vorrebbero esserlo. A volte lo sono, in senso positivo o negativo. Ecco quindi, lo spettacolo che non ti aspetti,il carramba che sorpresa, l’artista di grido, il gioco di luci, il filmato inedito proiettato sulla parete, il presidente d’azienda che interviene via satellite, le cirque du soleil in giardino o chissà cos’altro. Le sorprese, in una festa, in un matrimonio, in una convention aziendale sono la parte delicata dell’evento, in quanto spesso si cura questa parentesi, dimenticandosi del restoi ed i dettagli, come detto, fanno la differenza.

Tanto altro si potrebbe dire e l’ho anche detto, sulla buona gestione di un evento, ma spesso bisogna entrare nell’organizzazione specifica per capire i pro e i contro di un’organizzazione e per ora mi fermo qui.

PER INGAGGI IN TUTTA ITALIA  E PER CONTATTARE DARUS PUOI VISITARE:

– ) WWW.DARUS.IT

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Ospite di una diabolica tv lombarda :-)

5 maggio, 2011

Mercoledi’ 11 maggio 2011 per la prima volta sarò ospite attivo di una trasmissione televisiva del nord Italia.

Mi ero sempre rifiutato di partecipare a qualunque programma tv riconducibile a competizioni più o meno omogenee tra talenti veri o presunti (La botola, Cultura Moderna ed altri ancora) . Queste trasmissioni sono solite acquisire maghi e prestigiatori professionisti e non solo, sempre gratuitamente, per fare spettacolo o meglio audience, spesso a spese di chi si esibisce, senza dare modo di esprimersi e farsi conoscere davvero. Nè come persona  nè come artista di spettacolo.

Il luogo del delitto dove invece mi sono fatto coinvolgere, e molto volentieri, è la popolare trasmissione in diretta da Milano, ma visibile in tutta la regione, CocktailMania condotta da Laura Costa su Lombardia Channel.

Il format parte proprio dallo spunto del “cocktail” per affrontare un “tema specifico – parola chiave” da differenti punti di vista e con la voce di diversi ospiti, ognuno con le sue caratteristiche e competenze. Tra questi, ci sarà anche il sottoscritto, legando la mia presenza ai segreti come “illusione – magia – professione” …

La puntata di mercoledì 11 maggio avrà come punto di partenza la parola “SEGRETI …. Trucchi e misteri, divertenti o pericolosi… la verità come scelta e strategia“. Durante il talk show si parlerà anche dei diversi aspetti della professione magica, degli happening a cui vengo normalmente chiamato ad intervenire (convention aziendali, feste private), di reazioni del pubblico, della preparazione, dei riti e dello studio che stanno dietro a ciò che appare agli spettatori.

Della tv  mi fido sempre poco, tanto più che non sono certo di saperla ben governare. Mi auguro comunque di riuscire a comunicare l’amore per la magia e l’importanza del senso del mistero che nulla c’entra con il “trucco” (che tutti possono  cercare di eseguire e) che è invece solo un accessorio necessario ma non sufficiente e di far capire come la magia possa rendere una serata come tante un’esperienza magica ed indimenticabile.

Il fatto che pratichi magia e che il canale sia il 666 del digitale terrestre in Lombardia, è solo un diabolico dettaglio che magari si noterà nella micromagia che andrò a proporre in quella sede. 🙂  Alla prossima allora  e stavolta è proprio il caso di dire: ci vediamo.

PER INGAGGI IN TUTTA ITALIA  E PER CONTATTARE DARUS PUOI VISITARE:

– ) WWW.DARUS.IT

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Quell’attimo prima

20 aprile, 2011

L’attimo prima per l’artista

Esiste un momento prima dell’inizio di uno spettacolo, di una festa a sorpresa con magia o durante un compleanno, o una cena di gala,  in cui si decide cosa avverrà o almeno cosa si crede succederà.

Chi ti ha ingaggiato, per quanto ti conosca od abbia preso informazioni  non sa mai cosa farai esattamente e quando lo farai. La scelta spetta sempre all’artista, al mago, al prestigiatore  al mentalista. E’ la responsabilità e il  piacere di questo lavoro. Dipende da te che devi esibirti, da come ti sei preparato all’evento, dalla qualità dello spettacolo che proponi ed ovviamente dal contesto in cui hai accettato di fare il tuo spettacolo.

Come presentarsi ad un tavolo per fare micromagia e cosa proporre in quei 5-10 minuti che ci si ferma ad intrattenere quelle persone? Come programmare i  propri interventi su pedana ai festeggiamenti per quel anniversario o a quel matrimonio? Con cosa iniziare? Come rompere il ghiaccio? Come mantenere per tutto il tempo l’attenzione?

E’ quel momento che ci farà decidere se presentare solo i propri esperimenti più misteriosi idonei a popolare poi i sogni magici degli spettatori o metterla sul conviviale facendo più sorridere che stupire.

L’attimo prima” vive nella testa dell’artista, che sta arrivando sul luogo dove si esibirà, o che è arrivato prima dei suoi spettori e prepara la scena, riflettendo sul da farsi.

L’attimo prima per l’artista (qui inteso anche e soprattutto come intrattenitore), in realtà è la sua resa dei conti. Il momento in cui egli sta per confrontare ego e aspirazioni con il mondo reale. Ciò che ha studiato, ha preparato, ha ideato sarà apprezzato dal pubblico? Vedrà delusione o apprezzamento negli occhi dei suoi spettatori?

Per quel che riguarda l’essere prestigiatori, se si intraprende la carriera professionistica allora è bene che il saldo finale sia positivo. Se questo è allora tutti gli “attimi prima” saranno linfa vitale, energia rigenerante utile a continuare su quella strada e a conseguire un successo dopo l’altro.

L’attimo prima per lo spettatore

E’ diverso a seconda delle situazioni. Può essere vissuto  come attesa degli Trl Awards  di Mtv in piazza Santa Croce a Firenze, davanti ad una transenna aspettando (la mattina) che dopocena arrivi Lady Gaga.

O essere inconsapevole, quando non sai che stai per incontrare un prestigiatore alla festa di un tuo amico o recandoti alla convention dell’azienda per la quale lavori.

L’attimo prima è come “il sabato del villaggio” di Leopardi, induce emozione e speranza.  Va gustato tanto quanto l’evento in sè. Può essere raccontato come e quanto l’evento in sè. Magari alle volte è migliore, altre volte invece no, e l’attesa, faticosa è ripagata da qualcosa di magico.

PRIMA DI ANDARTENE E LASCIARE UN COMMENTO PUOI VISITARE:

– ) WWW.DARUS.IT

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Il festival dei maghi di Saint Vincent

8 aprile, 2011

Non occorre essere un mago per prevedere che tra qualche settimana arriverà nuovamente il momento in cui qualcuno, avendo appena assistito ad un mio spettacolo, convention o festa privata che sia, avvicinandosi per fare due chiacchere mi dirà:

“…ho sentito che c’è un festival di maghi...da qualche parte, ma non ricordo dove…ci sono i migliori maghi da tutto il mondo…lei non è andato?” Al che io mi sentirò ad un tempo lusingato (essere inclusi nella categoria migliori maghi del mondo fa sempre piacere anche se è un tantino, come dire?  Eccessivo? si mettiamola cosi) e nel contempo in dovere di confermare al mio interlocutore  come, malgrado io non vada e me ne dolgo alquanto, non seguendo come spettatore questi genere di eventi, davvero questo congresso ha una grande rilevanza:

Cyril Takayama, Brett Daniels, Peter Marvey, Michael Ammar, Arno, Banachek,  Tony Chapek,  Aaron Crow, David and Dania, Double Fantasy, Roy Davenport, Peter Eggink, Yann Frisch, Daniel Garcia, Armando Lucero, Vito Lupo,  Karl Koppertop, Eric Jones, Pilou, J.P. Vallarino e Paul Wilson sono le star internazionali che lo animeranno, attirando a Congresso Magico di Saint Vincent dal 14 al 17 aprile 2011, migliaia di persone, tra amatori, dilettanti, curiosi, professionisti ed addetti ai lavori.

Conferenze, spettacoli magici aperti al pubblico, serate di gala riservate ai soli prestigiatori o destinate ad essere riprese dalla RAI. Inoltre le fasi finali del II Campionato Italiano di Magia insieme a tante attività extra che renderanno molto divertente l’esperienza.

Ecco quindi, che il mio futuro ipotetico spettatore, avrà contezza di come il mondo dei prestigiatori non sia solo illusione e fantasia ma anche altro. Un universo parallelo che alcune volte si manifesta ai comuni mortali dimostrando che la magia esiste e se la si vuole vivere direttamente c’è chi è in grado di crearla e condividerla con il proprio pubblico. Questa è la missione di ogni serio professionista. Un buon congresso a chi andrà e buon lavoro agli altri. In quei giorni io avrò il piacere di intrattenere gli ospiti di una festa privata e quelli di un matrimonio, entrambe nel nord Italia.

PRIMA DI ANDARTENE E LASCIARE UN COMMENTO PUOI VISITARE:

– ) WWW.DARUS.IT

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Un hotel per ben cominciare il 2011

30 dicembre, 2010

Vi aspetto il primo gennaio a Chianciano, al Grand Hotel Ambasciatori. Alle 18 inizia il mio spettacolo di magia. Per partecipare all’evento, telefonare all’hotel.

Saprete così quanto fa bene iniziare l’anno incontrando un prestigiatore, un mago ed un mentalista tutto nella stessa occasione, in questo caso in Toscana e all’inizio del 2011.

Ci vediamo presto con altre news.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: