Posts Tagged ‘feste a sorpresa’

Spettacolo, la crisi c’è ma non uguale per tutti – Il Sole 24 Ore

24 settembre, 2013

See on Scoop.itSpettacoli ed intrattenimento

Spettacolo, la crisi c’è ma non uguale per tutti Il Sole 24 Ore Il 2012 ha visto alcuni settori del tempo libero, come il cinema, pagare un duro prezzo alla crisi: nonostante la tenuta nell’offerta di spettacolo (+0,27%), gli ingressi sono calati…

Mentalista Darus‘s insight:

Il mio punto di osservazione, in aggiunta a questo articolo del Sole 24 che riassume macrodati ufficiali non potendo disporre di quelli relativi al settore dell’intrattenimento per privati e aziende (per esempio gli spettacoli di mentalismo e magia) è che nel 2012 vi sia stata, nel settore business, una riduzione dei budget dedicati all’animazione di feste e cene aziendali ed un incremento della domanda da parte dei privati che hanno scoperto come, ingaggiare un artista a domicilio per feste a sorpresa, serate con amici e ricorrenze speciali non è poi una cosa così astrusa.

Il 2013 invece sta vedendo la domanda di spettacoli per aziende in forte crescita, segno che la situazione economica si sta stabilizzando (forse perchè c’è stata una selezione naturale e chi è sopravvissuto è più forte).

Anche l’offerta ha subito una razionalizzazione e chi si era improvvisato showman per il settore aziendale senza averne le caratteristiche è tornato a più miti consigli.

C’è ancora un pò di fumo, nel mentalismo soprattutto, tra formatori, coach e mentalisti mitomani, ma sono convinto che presto si diraderà e non dico che faremo come highlander (ne resterà uno solo) ma comunque i professionisti affidabili in grado di fornire performance spettacolari in contesti aziendali anche internazionali torneranno ad essere dichiaratamente quelli che stanno sulle dita di un paio (?) di mani.

Intanto buon lavoro e buone serate a tutti.

http://www.darus.it/spettacoli_aziendali/

See on www.ilsole24ore.com

Annunci

6 ragioni per prenotare un artista in tempo

22 agosto, 2011

Se siete tipi cui piace organizzare eventi, cene, incontri e celebrare compleanni ed anniversari vari o regalare feste a sorpresa ad altri, allora dovete cercare di essere lungimiranti.

Posto che chiamerete un prestigiatore, un cabarettista, un duo o una band musicale per questo o quell’evento che sapete già dovrete organizzare allora perchè non prenotarlo non appena lo intercettate, magari su facebook o sul web?

Facendolo, avrete una serie di vantaggi:

1. l’artista che si vede prenotare una data con largo anticipo è disponibile ad accordarvi uno sconto per aver garantita quella data così presto;

2. avrete esattamente quello che cercate senza dover ripiegare su qualche seconda scelta. Prima prenotate e più probabilità avete che l’artista non sia già impegnato;

3. potrete organizzare il resto dell’evento senza pensare più all’intrattenimento. Costruirete il resto della serata su delle fondamenta che sapete già, reggeranno il resto della struttura, avendo messo per tempo le basi;

4. darete modo all’artista di prepararsi ancora meglio. Prima il prestigiatore o chi per lui, conosce il contesto in cui si esibirà e più tempo avrà anche per preparare qualcosa ad hoc;

5. potrete spendere fin da subito, l’appeal dell’artista che avete ingaggiato con i vostri futuri invitati per renderli orgogliosi di essere stati invitati o con chi non inviterete per farli schiattare di invidia 😀

6. dimostrerete, una volta di più che la parola data è data e che costi quel che costi, quella serata sarà animata dal personaggio che avete ingaggiato molto tempo prima (magari chiedete di firmare un contratto e versategli un acconto, così anche per lui dovrà valere la stessa cosa).

Scrivo questo post perchè ieri pomeriggio un impresario mi ha chiamato chiedendomi di esibirmi per una festa privata per la sera stessa. Ma distavo dal luogo dell’evento circa 600 km. Ed in quel momento ero in costume da bagno.

Ecco non fatelo anche voi. Il non riuscire a fare uno spettacolo per cui si sarebbe rischiesti senza una ragione plausibile genera in quelli come me  un dolore quasi fisico.  Come dire, quello che non prenota uccide. 🙂

Poi se proprio non ce l’avete fatta a prenotare prima, esiste sempre il last minute. Voi provate, non si sa mai.

DARUS SI ESIBISCE IN TUTTA ITALIA. PER INFO E CONTATTI:

– ) WWW.DARUS.IT

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Quale location per l’importante evento?

15 giugno, 2011

Il contesto in cui si svolge un determinato evento ne influenza l’esito, come diceva Marshall McLuhan: “il mezzo è il messaggio“.  La location è quindi molto importante poichè, per un invitato, arrivare in una bella struttura, in un castello medievale, in un hotel di lusso o in una casa diroccata non è, ovviamente la stessa cosa.

Ma la cosa più importante è davvero la location? E poi, un luogo che piace ad alcuni piacerà necessariamente a tutti gli altri? Su questo nutro seri dubbi. La persona di mondo, abituata a viaggiare, al lusso ed agli ambienti chic, probabilmente, se l‘evento è ben congeniato proverà piacere a vivere una parentesi più rustica, meno formale ed elegante e così il contrario, ma anche no. Come si fa a saperlo?

Quel che voglio dire è, che per quanto ci sforzi, in un evento ci sono delle rigidità, come la location, i menù o alcuni spettacoli che per forza di cose non possono essere percepiti da tutti allo stesso modo e poco si può fare per ovviare a questa considerazione.

Quello su cui però si può lavorare, nell’organizzazione di un evento, è la componente flessibile, quella umana e per quel che mi riguarda quella artistica. Ciò che voglio dire è che se ci sono 100 ospiti non si può modificare la location 100 volte per adattarla alla storia personale di ognuno ma, sembra l’uovo di colombo, si possono però avere almeno 10 approcci diversi da parte di un mago che propone micromagia  e che quindi si confronta direttamente con le singole persone, divenendo responsabile, per la sua parte, di quanto e come ogni singolo vivrà quel dato evento, aziendale o privato che sia.

Se il prestigiatore è un professionista, si esibirà in inglese là dove gli spettatori dovessero non capire l’italiano, proporrà qualcosa di allegro al gruppo di ospiti più caciaroni, qualcosa di misterioso al pubblico femminile, qualcosa di più elegante a….e così via. E’ questione di esperienza ed abitudine all’ascolto.

L’ideale sarebbe poter avere questo approccio con tutto il personale impegnato nell’evento, richiedendo  a tutti un approccio su misura, ma è chiaro che un conto è concordare l’intrattenimento su queste basi, un altro il catering, i camerieri o il quartetto d’archi, per loro natura più standard e rigidi in fase di proposta al pubblico.

Tornando alle esperienze dirette, mi sono trovato a vivere eventi privati ed aziendaliin cui alcuni dettagli hanno fatto un enorme differenza:

– la musica troppo alta durante una cena, con gruppi di persone che gia’ alticce ad inizio serata si alternavano al microfono cantando a squarciagola e rendendo difficile la convivialità tra gli altri ospiti;

– delle cene anticipate o frammentate da interminabili discorsi di ringraziamento, consegne di targhe, premi, regali, riconoscimenti, coppe, fotografie, loghi, portachiavi e chi ne ha più ne metta. Il risultato è quello di ottenere un rumore di fondo continuo in sala, dove i già coinvolti tornano al proprio tavolo chiaccherando, gli altri cominciano ad annoiarsi, alcuni sono di spalle e non vedono…di solito finisce che agli ultimi quasi gli tirano il riconoscimento da lontano mentre hanno il cappotto in mano….

– poi ci sono le sorprese. Di vario genere. Queste di solito rappresentano il clou della serata, o vorrebbero esserlo. A volte lo sono, in senso positivo o negativo. Ecco quindi, lo spettacolo che non ti aspetti,il carramba che sorpresa, l’artista di grido, il gioco di luci, il filmato inedito proiettato sulla parete, il presidente d’azienda che interviene via satellite, le cirque du soleil in giardino o chissà cos’altro. Le sorprese, in una festa, in un matrimonio, in una convention aziendale sono la parte delicata dell’evento, in quanto spesso si cura questa parentesi, dimenticandosi del restoi ed i dettagli, come detto, fanno la differenza.

Tanto altro si potrebbe dire e l’ho anche detto, sulla buona gestione di un evento, ma spesso bisogna entrare nell’organizzazione specifica per capire i pro e i contro di un’organizzazione e per ora mi fermo qui.

PER INGAGGI IN TUTTA ITALIA  E PER CONTATTARE DARUS PUOI VISITARE:

– ) WWW.DARUS.IT

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: