Posts Tagged ‘francesco tesei’

Tutto quello che sappiamo fino ad ora (del mentalismo di successo)

14 luglio, 2016

EC2_6506

Al momento, da riscontri avuti sul campo, per dichiarazioni dei clienti e degli spettatori che hanno avuto a che fare con il mentalismo sappiamo che:

  1. non è un’esperienza comune ma qualcosa che rimane impresso nei ricordi e di cui si tende a parlare ad altri in diverse occasioni;
  2. è versatile ed adatto a diverse occasioni, tant’è che mentalisti sono in auge (e a questo blog piace) nei teatri, in tv (cfr. Francesco Tesei ma non solo) quanto in eventi organizzati da aziende di grandi, medie e piccole dimensioni;
  3. ci si può commuovere, divertire e restare meravigliati da una performance di mentalismo di pochi minuti, con un esperimento a distanza ravvicinata, come durante un intero spettacolo della durata di una o più ore;
  4. è più raro avere a che fare con un mentalista, essendo pochi quelli che realmente operano nel mercato reale, per questo la sua figura viene sovrapposta e confusa con quella di maghi, prestigiatori, illusionisti (da cui spesso sono partiti, come studio). Solo la sua esibizione può evidenziarne la differenza (se il mentalista è di valore si capisce anche dal diverso cachet necessario all’ingaggio) in ciò che fa e nel diverso impatto emotivo.
  5. Ci sono mentalisti che si approcciano al pubblico come psicologi, PNListi, seminvestigatori, scienziati della mente, neuropsichiatri ed altri che prediligono il paranormale, l’esoterico, il mistero, i poteri. Basta farlo con competenza e correttezza perché il pubblico apprezzi salvo cimentarsi con la categoria di quelli che fanno tutto pur di farlo ma senza avere nè un personaggio definito nè la consapevolezza della sua mancanza né l’etica necessaria a non strafare.
  6. i mentalisti professionisti che attualmente operano con successo e ad un certo livello nel mercato italiano non coprono le dita di due mani. Parallelamente c’è un fittissimo sottobosco di amatori, curiosi, dilettanti e mentalisti wannabe che animano, confondono, inquinano, arricchiscono il settore in mille modi (studiando e fornendo contributi di livello ma anche svendendosi, sbagliando in pubblico, rivelando tecniche e segreti per  5 minuti di notorietà). Il tempo premierà quelli che saranno maturati meglio, i più valevoli e/o i più fortunati quando arriverà il momento del cambio generazionale.
  7. Il mentalista, come altri artisti, è oggi, ingaggiabile facilmente attraverso il web a patto che si riesca a distinguere ciò che promette da ciò che realmente può mantenere non affidandosi solo a video ben editati. Il consiglio è quello di controllare referenze e clienti reali  nonchè numero, tipologia e dettagli delle foto in cui lavora. Se ne ha tante, mentre si esibisce, in ambienti a voi consoni, allora potrebbe fare al caso vostro se invece solo solo pose da studio fotografico o circondato da adolescenti, fatevi delle domande.

Voglio finire questo articolo con una precisazione: il “tutto quello che sappiamo” indicato nel titolo non è reale, in quanto ci saranno ancora molte cose da dire ma è la formula che i grandi giornali hanno capito funzionare per i propri lettori sul fatto del giorno. Formula che si qui voluta sperimentare per vedere l’effetto che fa.

 

E il mentalismo conquistò la tv

2 gennaio, 2014

Francesco Tesei e Darus

Fransceco Tesei e Darus - mentalisti

Mille sono i modi in cui ho pensato di recensire Francesco Tesei e la sua trasmissione su Sky uno partita con il nuovo anno, ma al momento nessuno di questi mi sembra idoneo del tutto. Inizio quindi a scrivere non sapendo a cosa approderò. Anticipo solo che ne sono entusiasta.

Come spettatore comune scriveranno tanti altri, io qui, magari può interessare, inserisco il punto di vista da collega. Ma parlare di lui meramente come di un collega mentalista è riduttivo, dato che Francesco sta facendo quello che ognuno nel nostro settore vorrebbe fare, ma non ha fatto, e lo fa con una tale maestria e professionalità che sembra abbia già alle spalle 5 Golden Globe per la miglior trasmissione dell’anno e un premio alla carriera come performer.

Partire dall’esperienza personale dei rapporti con lui per dire che in tv, è proprio come è nella vita ovvero alla mano, socievole e simpatico? Dice qualcosa ma certo non basta.

E allora cosa? Allora parto dal ringraziarlo perché in tv si vedono tante cose, nel campo magico e mentalistico, che vorrebbero emozionare, stupire e far pensare e non ci riescono allontando invece potenziali interessati, mentre “IL MENTALISTA” fin dall’inizio è stato efficace facendo conoscere al grande pubblico come il mentalismo, quando ben eseguito e proposto, può nobilitare lo stare insieme.  Invoglia quindi a guardarlo in tv ma anche a cercarlo nei teatri ed inserirlo in un evento aziendale o privato che sia. Da qui il mio grande egoistico ed interessato grazie Francesco. 🙂

Le lacrime di Vittoria Belvedere, (dio la abbia in gloria) nella seconda puntata andata in onda ad ottobre su Sky e ieri su Cielo, testimoniano come l’esperienza vissuta resterà per sempre nei suoi ricordi. E non è quello che ognuno vorrebbe vivere o far vivere ad altri? Un’esperienza memorabile, emozionante e positiva.

Devo anche dire, che mi è piaciuta l’ironia di Francesco, il suo mettersi in gioco senza prendersi troppo sul serio, il travestirsi, il partecipare alle candid camera e il miscelare esperimenti ad alta tensione come quello nello sfasciacarrozze e letture del pensiero a gente comune.

Il successo è notevole, sia per gli ascolti che per i riscontri sui social media. Stavolta il mentalismo in tv ha davvero intercettato il gusto del pubblico. Non resta allora che da gustarsi tutte e 12 le puntate che Sky manderà in onda sapendo che questo non potrà essere che solo un antipasto. E di conseguenza andare a vedere Francesco Tesei in teatro quando passerà dalla propria città.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: