Posts Tagged ‘Masters of Magic’

Il festival dei maghi di Saint Vincent

8 aprile, 2011

Non occorre essere un mago per prevedere che tra qualche settimana arriverà nuovamente il momento in cui qualcuno, avendo appena assistito ad un mio spettacolo, convention o festa privata che sia, avvicinandosi per fare due chiacchere mi dirà:

“…ho sentito che c’è un festival di maghi...da qualche parte, ma non ricordo dove…ci sono i migliori maghi da tutto il mondo…lei non è andato?” Al che io mi sentirò ad un tempo lusingato (essere inclusi nella categoria migliori maghi del mondo fa sempre piacere anche se è un tantino, come dire?  Eccessivo? si mettiamola cosi) e nel contempo in dovere di confermare al mio interlocutore  come, malgrado io non vada e me ne dolgo alquanto, non seguendo come spettatore questi genere di eventi, davvero questo congresso ha una grande rilevanza:

Cyril Takayama, Brett Daniels, Peter Marvey, Michael Ammar, Arno, Banachek,  Tony Chapek,  Aaron Crow, David and Dania, Double Fantasy, Roy Davenport, Peter Eggink, Yann Frisch, Daniel Garcia, Armando Lucero, Vito Lupo,  Karl Koppertop, Eric Jones, Pilou, J.P. Vallarino e Paul Wilson sono le star internazionali che lo animeranno, attirando a Congresso Magico di Saint Vincent dal 14 al 17 aprile 2011, migliaia di persone, tra amatori, dilettanti, curiosi, professionisti ed addetti ai lavori.

Conferenze, spettacoli magici aperti al pubblico, serate di gala riservate ai soli prestigiatori o destinate ad essere riprese dalla RAI. Inoltre le fasi finali del II Campionato Italiano di Magia insieme a tante attività extra che renderanno molto divertente l’esperienza.

Ecco quindi, che il mio futuro ipotetico spettatore, avrà contezza di come il mondo dei prestigiatori non sia solo illusione e fantasia ma anche altro. Un universo parallelo che alcune volte si manifesta ai comuni mortali dimostrando che la magia esiste e se la si vuole vivere direttamente c’è chi è in grado di crearla e condividerla con il proprio pubblico. Questa è la missione di ogni serio professionista. Un buon congresso a chi andrà e buon lavoro agli altri. In quei giorni io avrò il piacere di intrattenere gli ospiti di una festa privata e quelli di un matrimonio, entrambe nel nord Italia.

PRIMA DI ANDARTENE E LASCIARE UN COMMENTO PUOI VISITARE:

– ) WWW.DARUS.IT

-) DARUS IL MAGO SU FACEBOOK

-) L’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Annunci

Campione italiano di magia ma c’è anche altro

15 aprile, 2010

Il campionato italiano di magia sta prendendo forma.  Nel mese di maggio si svolgerà a Saint Vincent un festival di magia tra i più importanti e meglio organizzati d’Europa e tra le tante iniziative contemplate si svolgerà anche quella di selezionare un campione italiano di magia.

Se dovessi spiegare tutto, illustrare l’organizzazione retrostante (Masters of Magic), parlare delle punte di lancia (Walter Rolfo, Circolo Amici della Magia di Torino, Silvan, Binarelli, Raul Cremona, Forrest, Arturo Brachetti ecc) non riuscirei a scrivere ciò che mi preme se non dopo un’infinità di parole. Ma scommetto che se ne sentirà parlare.

Questa iniziativa, nella sua declinazione televisiva sarà probabilmente tra quelle di maggior rilievo per elevare il gradimento e la conoscenza della magia nel grande pubblico. Tanti prestigiatori, maghi ed illusionisti provenienti da tutta Italia avranno modo di farsi conoscere ed entrare per pochi o per tanti secondi nelle case degli italiani (a seconda del successo che l’eventuale programma televisivo otterrà).

Attenzione. La magia però non è quella che mostreranno quei prestigiatori o per lo meno non è solo quella.  Le esibizioni magiche in questo campionato (termine sportivo che trasforma quella che viene chiamata Arte Magica, in una disciplina) avrà dei tempi di esecuzione televisivi (se non erro si va dai 3 ai 6-7 minuti). Questo va bene per la tv ma bisogna tener presente che fuori da questa l’artista deve poter gestire un tempo più lungo di buon intrattenimento e buona magia e soprattutto non deve solo stupire ma è chiamato ad affascinare, coinvolgere e perchè no shoccare e far discutere.

Ingaggiando qualcuno per esibizioni di piazza, nelle convention, nei teatri o anche per feste private allora va appurato se l’artista ha uno spettacolo rodato che regga all’impatto di un pubblico reale per il tempo desiderato.

Conosco tanti amici e colleghi prestigiatori con queste caratteristiche che operano in varie zone d’Italia e nessuno di questi, me compreso, parteciperà al campionato italiano di magia come non partecipano ai vari programmi televisivi che cercano maghi (gratis) da usare come utili idioti.

Sintetizzando: la tv può dare molto e lo testimoniano artisti televisivamente internazionali ma con ciò che ci ritroviamo in Italia (e le varie striscia la notizia e maghetti al gioco dei pacchi) è lecito diffidarne.

Il mago per essere gustato come merita, ha bisogno di tempi umani (non televisivi) si deve quasi poter  toccare, guardare negli occhi, sentire la sua voce. Oppure dovrebbe avere lo spazio e lo spessore di Derren Brown in Gran Bretagna.

Si deve poter assaggiarlo insomma, altrimenti è più difficile che penetri nell’anima e la magia diventa fuffa, non lascia niente.

Detto ciò sono sicuro che dal festival della magia di Saint Vincent verrà sicuramente qualcosa di buono e prezioso non solo con il campionato ma anche per tutto il resto che  è  in programma.

PRIMA DI ANDARTENE DAI UN’OCCHIATA

ALL’HOME PAGE DI QUESTO BLOG


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: