Posts Tagged ‘robert houdin’

Sfide, scontri e lotte tra mentalisti (estratto de) “Te lo leggo nella mente”

28 marzo, 2013

[Copertina] Te lo leggo nella mente

Coloro che coltivano una passione mi capiranno se dico che talvolta capita di trovarsi di fronte a qualcosa, ad essa legata, che si deve acquisire in tutti i modi. E’ stato il caso per me, mentalista di professione, di “Te lo leggo nella mente” l’ultima fatica letteraria di Mariano Tomatis, prolifico scrittore, storico della magia ed illusionista (umano solo in apparenza ma tradito inesorabilmente dalla mole  e qualità di ciò che produce), che in questi giorni sto centellinandomi con molto piacere.

Il libro merita, e non sono solo io a dirlo, per le considerazioni che fa, legate al mentalismo e per come illustra quei fatti e risvolti storici che lo hanno reso ancor più interessante ed intrigante fino ad oggi, sia per gli addetti che per i profani. Ne scriverò (qui o altrove) prossimamente.

Ciò che segue è un estratto che l’autore ha avuto la cortesia di regalare a questo blog  (corredato da immagini inedite nel libro) dopo avergli riferito di come fossi rimasto affascinato dai tanti riferimenti del testo alle sfide e ai conflitti esistiti nella storia della magia tra i vari artisti e di come oggi invece, tutto sia…..rimasto come allora:

Di fronte ai prodigi di un mentalista, forse non pensate che – dietro di lui – esista un mondo in subbuglio, ben nascosto dietro le quinte. Il film di Christopher Nolan The Prestige ha svelato ai profani l’esistenza di aspre rivalità tra colleghi prestigiatori.

Nell’Ottocento, Parigi fu la sede di uno degli scontri più accesi nella storia del mentalismo. I due contendenti si chiamavano Robert-Houdin (1805-1871) e Henri Robin (1811-1874), al secolo Henri Joseph Donckele.

Houdin1

Entrambi presentavano in teatro la stessa performance, che i giornali avevano chiamato «seconda vista». Passando tra il pubblico, il mago prendeva tra le mani alcuni oggetti e ne trasmetteva le immagini a una persona bendata, che si trovava sul palco, la quale era in grado di descrivere nei particolari ciascHoudin2un oggetto.

Nel 1845, Robert-Houdin si esibiva al Théâtre du Palais-Royal con il figlio Émile.

A proposito del ragazzo, i giornali raccontavano sbalorditi: «Nomina il valore delle monete e l’anno di conio, l’ora, i minuti e i secondi degli orologi, il nome dell’orologiaio inciso sul quadrante, la forma e il numero di anelli. Dettagli incredibili

L’illuHoudin3sionista raccontò di avere inventato la «seconda vista» guardando i suoi due figli che, a occhi chiusi, cercavano a turno di indovinare un oggetto scelto dall’altro. Negli stessi giorni, però, anche Henri Robin affermava di averla inventata e presentava l’effetto con la moglie. Chi dei due aveva ragione?

Qualche anno più tardi Robert-Houdin denunciò il collega di plagio, portando alla luce un intricato complotto organizzato alle sue spalle: Robin aveva convinto Omer Legrand, uno degli operai di Houdin, a costruire per lui delle copie esatte dei giochi di prestigio del collega.

A mescolare ulteriormente le carte pensò, mezzo secolo più tardi, Harry Houdini: l’illusionista rivelò che né Robin, né Robert-Houdin potevano fregiarsi del titolo di «inventore» della seconda vista. Nel 1781, infatti, era stato Philip Breslaw (1726-1803) a presentare per primo un effetto di telepatia a due.

Houdin4

Tre anni più tardi, Giuseppe Pinetti aveva coinvolto la moglie nella stessa esibizione a Londra.1 Nel 1841, inoltre, negli Stati Uniti si esibiva «The Mysterious Lady», una mentalista che indovinava gli oggetti scelti dal pubblico. Secondo i giornali, «descrive vestiti e gioielli di chiunque lo desideri, con un’accuratezza davvero sorprendente; se una carta viene scelta da un mazzo, ne annuncia il valore».

Houdin5

Stupiti? Davanti al prossimo spettacolo di mentalismo, ricordatevi delle battaglie senza esclusioni di colpi che avvengono di continuo tra le menti creative più brillanti. Da questa prospettiva, ciò cui assisterete apparirà ancora più vitale e sanguigno“.

Per informazioni e richieste:

Logo Darus

Annunci

Rafael il signore della magia – recensione

29 novembre, 2010

Il mago è un attore che recita la parte del mago” (Robert Houdin, prestigiatore francese del XIX secolo).

In prima nazionale, Alessandro RiccioMaria Paola Sacchetti, nei panni di Rafael e Angelique, ovvero di un illusionista e della sua assistente, sottopongono all’attenzione di una divertita platea, la parodia di uno spettacolo magico, che, come recita la promozione dello stesso propone:  “… numeri che hanno dell’incredibile e che lasciano le platee di tutta Europa a bocca aperta e a borsa vuota…”.

Lo spettacolo attingendo al “misterioso mondo dell’illusionismo, antichissima arte di spettacolo, che ha saputo attraversare le epoche cambiando volto secondo il gusto del pubblico e le evoluzioni della tecnica” narra, con allegra semplicità, una vicenda, attraverso le gesta dei due protagonisti, delineandone  il carattere, le fobie, le speranze ed il loro vissuto realizzando così, un quadro a tinte varie.

In una gradevole scenografia da prestigiatore di fine ottocento, uno strano e magnetico personaggio, Rafael, si esibisce insieme alla sua valletta, eseguendo con maestria (e lo dico da mentalista) piccole magie, in modo appariscente e simpatico.

Gli spettacoli sono però, anche occasione di furti e raggiri da parte della coppia che in tal modo sopravvive ai limiti della povertà.

Gustosi i fuoriscena, quello che accade prima e dopo gli spettacoli, il rapporto di amore odio dei due, tra vezzi, prove, sotterfugi, litigi e complicità, che impreziosiscono una drammaturgia che ricorda vagamente  laGrande Magiadi Edoardo de Filippo.

Ho quindi apprezzato lo spettacolo anche se consiglierei, ove ce ne fosse bisogno, di asciugare e rivedere alcune scene, che se pur gradevoli, forse prolungano lo show eccessivamente. Avendo parlato con Riccio dopo lo show, so che ne è consapevole.

Rafael, il signore della magiaè una produzione teatrale di Alessandro Riccio. Da segnalare il tutto esaurito del Teatro Lumiere per tutte e tre le date previste e la bravura degli attori.

PRIMA DI ANDARTENE VIENI A TROVARCI IN HOME PAGE E SE VUOI, LASCIA UN COMMENTO.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: