Posts Tagged ‘Tony Binarelli’

Magie Meravigliose

24 agosto, 2017

20953801_1933300606683886_6035696094527361733_n

Essere un mentalista porta a lavorare soli. Viaggi in compagnia delle proprie valigie, dei propri libri e con la tecnologia mobile necessaria  a non andare in astinenza da film, quotidiani ed email (tablet, telefoni ecc) sono la regola. Ciò che chi esercita una professione artistica subisce ed ambisce fare. Nel bene e nel male.

Tautologicamente (ovvero non serve neanche dirlo)  il mio, come quello di quasi tutti i mentalisti e illusionisti non sarebbe un “one man show” se non mi esibissi solo: uno spettacolo in grado di riempire una serata aziendale o privata divertendo, stupendo ed emozionando per almeno 45 minuti.

Come tutte le regole, anche questa ha le sue eccezioni. E sabato 26 agosto avrò il piacere di celebrarla, e per me assicuro è davvero una rarità, in quel di Chianciano. Grazie alla tenacia, alla capacità organizzativa oltre che allo spessore artistico dell’amico prestigiatore Alessandro Massini è infatti nato “Magie Meravigliose” un gala di magia, una manifestazione di piazza che vedrà la partecipazione di diversi artisti, maghi e prestigiatori e, aihmè anche la mia. Presentati proprio da Massini.

Quindi se non avete di meglio da fare, e non l’avrete sicuramente, vi aspetto al Parco Fucoli di Chianciano Terme sabato 26 agosto alle 21,15 insieme a Mago Massini, Ivan Mistereko, Mago Smith e all’ospite d’onore della serata Tony Binarelli. Ingresso libero.

Se poi foste proprio impazienti di imbattervi nella magia, già alle 17 ci sarà un assaggio insieme ad Alessio Rastrelli e Leonardo Romanelli per le vie del centro.

 

Annunci

L’impatto del mistero in Italia – 35 anni fa

18 novembre, 2010

Molti prestigiatori italiani della mia generazione sono cresciuti con il mito di Silvan, le sue manipolazioni, il suo stile. Effettivamente il personaggio aveva un chè di elegante e magico che lo distingueva, anche ai miei occhi, da ogni melassa  mediatica del tempo.

Colui però che esercitò l‘influenza più profonda sul mio inconscio, sui miei futuri studi, sulle mie ricerche e su tutto quello che avrei fatto in futuro, come mentalista, fu Uri Geller, il sensitivo israeliano che stupì il mondo con le sue dimostrazioni paranormali.

Venne diverse volte in Italia e si prestò più volte ad esercitare pubblicamente i suoi poteri. L’impatto fu fortissimo nell’opinione pubblica  tanto che poco dopo trovò il suo spazio nella televisione italiana, con esperimenti che ricordavano quelli di Geller anche Tony Binarelli. Ma questa è un’altra storia.

Parlo di Geller e della sua influenza sul mio concetto di mistero perchè ho scovato da La Stampa un interessante articolo di 35 anni fa che ho gradito e che voglio condividere:

Suona un disco si piega una forchetta

Casi di parapsicologia a Montecarlo durante una trasmissione radio.  Nello studio numero uno di Radìomontecarlo, siamo in sette: Antonio De Via, animatore della rubrica dedicata alle donne, che va in onda dalle 14 alle 16; Jean-Marie Choffel, responsabile delle trasmissioni in lingua italiana: Pierluigi Moraca, dell’ufficio stampa dell’emittente monegasca; la signorina Marie, l’addetta a ricevere le telefonate, due tecnici ed il sottoscritto.

Sembriamo cospiratori, ma abbiamo un sorriso di sufficienza, scettico, accennato sulle labbra. La storia della suggestione collettiva, esercitata dall’israeliano Uri Geller, soprannominato «la mente che piega il ferro», il quale grazie ad un disco da lui inciso riesce a far piegare cucchiai e forchette ed a far funzionare vecchi orologi fermi da anni, non ci convince del tutto.

Il «fenomeno» è avvenuto due volte e in entrambe le occasioni, a Radiomontecarlo, sono arrivate decine di telefonate (da Sanremo, Genova, Livorno, Massa Carrara, Viareggio, Grosseto, Sassari) di persone le quali, seguendo le parole scandite da Uri Geller e concentrandosi, si son viste improvvisamente piegare tra le mani, senza esercitare alcuno sforzo, cucchiaini o forchette, mentre orologi in disuso hanno ripreso a funzionare per qualche minuto.

Ma fino a che punto, mi stavo chiedendo, giunge la realtà, e dove comincia l’autosuggestione? Eccomi dunque nello studio dell’emittente monegasca, per assistere al terzo (in sei giorni) esperimento. Antonio De Via inizia la trasmissione e quasi subito manda in onda il disco inciso dall’inquietante personaggio israeliano dotato, a quanto pare, di poteri eccezionali.

Il 33 giri è stato edito in Italia da pochissimo tempo. Uri Geller vi ha inciso sue poesie in cui esprime pensieri e sensazioni sull’essere umano e, quale ultimo brano, vi è «Le forze nascoste (L’esperimento)». Geller inizia invocando «cosmi interni e spazi aperti», avverte che tutto è possibile basta volerlo, quindi passa all’esperimento vero e proprio.

Invita l’ascoltatore a prendere un oggetto metallico tra le mani, a concentrarsi, a carezzare dolcemente l’oggetto stesso ripetendo nella propria mente: «Piegati, piegati». Se si tratta di un orologio, ovviamente, bisogna pensare: «Funziona, funziona, riprendi a ticchettare». Il tutto pronunciato con voce suadente, insinuante e con un sottofondo musicale appropriato, una melodia ovattata, quasi una nenia.

Dopo una decina di minuti i dal termine del disco, inizia la corvée. Il telefono squilla, parla Carla Scarrone  da Genova: «Ho preso tutto per gioco e ho tirato fuori un vecchio orologio che non camminava da tre anni: ha ripreso a funzionare per una decina di minuti. Mi sono impaurita». E’ sicura che l’orologio non sia stato toccato da nessuno, che non funzionasse veramente, di non averlo scrollato? «Sicurissima».

Altra chiamata da Genova. Qualcosa di incredibile: dice Giovanni Lennoni abitante in corso Buenos Aires: « Ero con un amico, Giovanni Alighieri, e seguendo le istruzioni del disco ho incominciato a fissare la bicicletta: il raggio di una ruota si è deformato sotto i nostri occhi increduli. Io sono scettico su queste cose. Se la bicicletta si fosse piegata in due la prova sarebbe stata più evidente, ma anche quello che è successo è soddisfacente».

Ecco Anna Vichiello da Livorno: «Avevo un cucchiaino tra le mani e si è piegato. Ho avuto una paura tremenda». E’ la volta di Noemi Innocenti, da Orbetello: «Stavo mettendo le posate nella lavastoviglie quando un cucchiaino ed una forchetta si sono piegati. Ho sentito una forte emozione, come se il sangue scorresse più veloce nelle ve ne. Una sensazione, che non vorrei riprovare».

Da Campo rosso, in provincia di Imperia. Cinzia Ardusso racconta: «Avevo un orologio nella borsa che devo portare a far ri parare, ed ha funzionato per dieci minuti. Quella roba lì mi fa ancora paura».

Telefonate del genere, riguardanti cucchiaini ed orologi, ne sono arrivate un centinaio, a Montecarlo, durante e dopo le tre trasmissioni. Ho parlato con qualcuna di queste persone ma il mio scetticismo, sinceramente, non è scemato. Decido quindi, rientrando, di andare a trovare due signorine che hanno preso parte all’esperimento.

In vico Pompa, a Ventimiglia, abita Elisabetta Albenga, una ragazza spigliata e, all’apparenza, per niente impressionabile. Racconta: «Stavo lavorando a maglia, e seguendo le istruzioni di Uri Geller ho cominciato a strofinare un ago tra le dita: dopo pochi attimi mi sono accorta che si stava piegando ed ha continuato a piegarsi, sino quasi a formare un arco. Eccolo, lo potete vedere. Dico la verità: mi sono spaventata da matti».

A Sanremo, in via Borgo Opaco, c’è Marcella Di Romualdo: «Ho preso un vecchio orologio da polso, l’ho fissato, e quello si è messo a funzionare per circa cinque minuti. Lo strano è che mentre la lancetta avanzava, gli ingranaggi interni erano fermi, non si udiva il solito ticchettio ».

Chi è questo Uri Geller, che ha così straordinari poteri. Nato 29 anni or sono a Tel Aviv, a sette anni scoprì che poteva far funzionare orologi rotti e piegare oggetti di metallo con la sola forza del pensiero. Da sei anni si esibisce in pubblico: è apparso alle televisioni svizzera, inglese e tedesca.

Scienziati di istituti di ricerca e di università americane hanno detto di lui: «Non c’è dubbio che ha straordinarie capacità mentali il cui potere non siamo in grado di misurare, così come non riusciamo ad afferrarne completamente il significato». Parapsicologo, un essere estremamente sensitivo che riesce a trasmettere il proprio pensiero, la propria volontà.

E’ di poco tempo fa un esperimento, a Milano, durante una conferenza stampa. Uri Geller ha tracciato lo stesso disegno che una persona aveva fatto su un foglio in un’altra parte della sala,  poi l’israeliano ha disegnato qualcosa e l’ha fatta ripetere ad Enzo Tortora.

Incredibile, allucinante, tutto preparato? Qualcuno dice di no.

Vittorio Preve Pagina 11 (19.01.1975) LaStampa – numero 16

PRIMA DI LASCIARE QUESTO BLOG, DAI UN’OCCHIATA ALL‘HOME PAGE O LASCIA UN TUO COMMENTO.

Spettacoli ed eventi a Roma

11 gennaio, 2010

Assuefatto dagli spettacoli privati dove mi è capitato di esibirmi (spettacoli per feste, anniversari, compleanni di adulti e cose simili), non mi era ancora capitato di poter fare uno spettacolo a Roma aperto al pubblico e l’evento avverrà dal 4 al 7 marzo 2010.

L’occasione di portare il mio show magico nella capitale me la fornisce il Teatro Alba, in via Alba 49 a Roma, un’interessante ritrovo dove nel prezzo del biglietto è incluso un abbondante aperitivo che prelude ad una serata fuori dal comune.

Lo spettacolo che presento èAmabil-Mente ma al Teatro Alba, fin dalla sua recente apertura si sono avvicendati i migliori prestigiatori italiani, emergenti o già noti, da Alexander a Tony Binarelli, solo per citare i più famosi.

Spero vivamente che l’avventura intrapresa da Paolo Jacobazzi e soci  sia da stimolo ai vari teatri magici ma non solo che timidamente stanno nascendo anche in altre città italiane (il più noto è sicuramente la Corte dei Miracoli di Livorno) ma qualcosa si muove anche a Milano mentre Firenze è ancora dormiente e come sto sperimentando in questi giorni risulta non facile trovare un teatro dove poter proporre un qualcosa di diverso dal teatro classicamente inteso.

Sono particolarmente contento di potermi esibire in un teatro romano anche perchè mi permette di convogliare in un unico luogo una serie di persone con cui negli anni ho avuto modo di interagire, dagli amici e colleghi prestigiatori, ai titolari di agenzie di spettacolo con le quali ho collaborato, fino ad amici conosciuti durante qualche serata privata con cui poi sono rimasto in contatto. L’auspicio ovviamente è di vedervi in tanti al teatro,  segnatevi la data e tra qualche giorno chiamate e prenotate i vostri posti.

PRIMA DI ANDARTENE DAI UN’OCCHIATA

ALL’HOME PAGE DI QUESTO BLOG

Troppi maghi nel magaio

1 aprile, 2008

Maghi come galli

E’ incredibile come in un microcosmo come quello dei maghi italiani, dove le punte di eccellenza sono pochissime, i prestigiatori professionisti una rarità, gli artisti conosciuti a livello nazionale sono gli stessi di 30 anni fa (Silvan, Tony Binarelli ed Alexander), più alcuni maghi che si sono dedicati al cabaret (Raul Cremona e il mago Forest) e qualche personaggio reso famoso per quel che fa male piuttosto che per quello che fa (il mago Casanova) ci sia un tasso di litigiosità da far impallidire 20 galli in uno stesso piccolissimo pollaio .

Dico ciò essendo parte attiva di varie comunità magiche che si incontrano e dialogano su internet. In questi giorni, in questi contesti,  è stata sviscerata, in ogni sua declinazione, l’esibizione di un giovane (coetaneo credo) collega prestigiatore esibitosi in un circuito televisivo nazionale con un mazzo di carte ed una dimostrazione di gambling (ovvero quando un mago si comporta come un baro e riesce malgrado miscugli e maneggi apparentemente disordinati ad avere le carte che vuole dove vuole).

Se ne sono dette di tutti i colori, il protagonista è intervenuto perchè si riteneva offeso dalle critiche avute e per tutta risposta si è esaltato all’inverosimile paragonandosi ai più grandi del suo genere.

E’ seguita una valanga di commenti da parte di tutti coloro che fanno esibizioni simili, da parte degli amici più stretti, poi dei nemici, dei compaesani, chi ha portato testimonianze, chi ha esibito curriculum, altri hanno sparato a palle incatenate.

Ritengo che quell’esibizione fosse buona anche e soprattutto per la presenza di spirito del collega prestigiatore ma sono un pò stupito di quanta aggressività ci sia nell’ambiente magico.

Insomma, se come si dice il teatro deve nascere necessariamente dal conflitto allora consiglio ai registi italiani di documentarsi su questo mondo perchè avranno materiale a josa.

PRIMA DI ANDARTENE DAI UN’OCCHIATA

ALL’HOME PAGE DI QUESTO BLOG


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: